Negli ultimi anni il termine empowerment ha avuto una significativa risonanza ed appartiene a quel gruppo di termini anglofoni difficili da tradurre, che racchiudono un insieme di diversi significati possibili.

Empowerment significa letteralmente aumento del “potere”, ossia mettere in moto delle risorse sia ad un livello individuale che organizzativo. Ad un livello individuale la possibilità delle persone di sentirsi responsabili, protagoniste della propria vita; ad un livello organizzativo la possibilità per l’azienda di essere più efficace nel funzionamento e nelle sfide innovative. In entrambi i casi, comunque, si parte da una situazione corrente per migliorarla, potenziarla, col presupposto che tutti hanno delle risorse che possono sviluppare.

Intorno all’empowerment si sta muovendo anche il mondo delle startup e delle imprese. Interessano i temi legati alla crescita personale, all’apprendimento in forme innovative, allo sviluppo del potenziale professionale e personale come potenziali strumenti per nuove soluzioni innovative.

Non a caso una delle tappe del roadshow digitale di B Heroes di quest’anno è stata incentrata proprio sul tema dell’Empowerment.

B Heroes è un programma televisivo per l’innovazione e la promozione di nuovi business che punta su alcune skills come mentorship, investimenti, networking e comunicazione.

Il programma è rivolto in particolare a giovani imprese e startup per fornire sostegno finanziario, cultura imprenditoriale e visibilità, oltre ad aprire il mondo delle imprese alla open innovation, favorendo l’interscambio tra aziende nuove e tradizionali.

Cervellotik Education, società del Gruppo Meridiana Italia, è stata scelta tra le 7 Startup della tappa “Empowerment” come esempio positivo e innovativo nel campo dell’apprendimento e dell’education.

Data l’emergenza sanitaria, l’evento è stato interamente svolto online coinvolgendo startup di vario tipo: dall’app modulare per avvicinare i dipendenti alla loro azienda all’education online, dalla piattaforma per quiz interrativi, all’app per la gestione delle risorse umane nella ristorazione.

I founder delle startup hanno avuto 5 minuti di tempo per esporre in maniera sintetica la loro idea di business, seguiti da una sezione di domande poste dai potenziali investitori e analisti in ascolto.

Questi ultimi non solo hanno posto delle domande alle varie aziende, ma hanno anche espresso una valutazione ad ognuno.

Nei prossimi mesi Cervellotik Education saprà come procederà la sua avventura all’interno del contest televisivo. Al di là di quale sarà l’esito di B Heroes, l’obiettivo è quello di trasformarsi in veri “eroi dell’education!”

Lascia un commento